Momenti di poesia. Sulla ruota panoramica, di Stefania Pellegrini

Tu lo guardi e ti sembra di volare,
aquilone nel cielo infinito,
gabbiano sul blu
del mare sconfinato.
Tu lo guardi
e la sua voce senti vibrare
come corde di violino.

Poi la ruota e la brezza tra i capelli
a rapire le parole,
il battito dei cuori.
Poi le carezze…
le lusinghe sulla pelle…

Tu lo guardi e non sai dove il fiume
vada a finire,
sottile la malia dello sguardo,
che corteggia la mente…

È così dolce
la seduzione al sapore di miele,
che il pudore allenta il freno,
annega gli anni acerbi
nel verde dei suoi occhi.

Le dita lievi sul viso, tra i capelli,
le labbra a cercare il piacere dei sensi.
Ti lasci guidare
dal tepore accogliente
delle sue braccia
e ti schiudi
fiore al tuo destino.

Stefania Pellegrini ©

DIRITTI RISERVATI