accogliamo la memoria quadrata

Accogliamo la memoria – Compagnia Gli Illegali 

Alessandria: Dal surreale “giro dell’isolato di corsa” ai bambini diventati invisibili, fino al toccante discorso a un amico morto, sono tanti gli alessandrini che hanno donato un loro ricordo della pandemia al progetto “Accogliamo la memoria” della compagnia teatrale Gli Illegali e dell’Associazione BlogAL con il sostegno della Fondazione SociAL. 

Ma la compagnia attende ancora altri ricordi per contribuire a un Archivio delle storie della città

Donare un ricordo personale di un tempo eccezionale, come quello che è appena trascorso, a una memoria collettiva. Donare un ricordo da unire ad altri per dargli forza e longevità e non lasciarlo sbiadire nella routine quotidiana che riprende. È questa l’opportunità  che la compagnia teatrale Gli Illegali e l’Associazione BlogAL stanno offrendo agli alessandrini facendosi promotrice dell’iniziativa “Accogliamo la memoria”.

La raccolta dei ricordi della pandemia alessandrina è cominciata ad aprile  di quest’anno, nel pieno di un’esperienza ancora viva e vibrante per ognuno di noi e proseguirà fino a fine anno. L’appello è stato chiaro fin dal principio:

Inviateci un racconto, un episodio, una storia, qualche aspetto della vostra vita attuale… di questo periodo…La memoria della nostra città in questo periodo merita di essere conservata, quindi in pochissime parole mandateci un qualche cosa di voi che volete venga ricordato in futuro.
Accogliamo la memoria,
per non dimenticare.

E gli alessandrini hanno risposto con entusiasmo fin da subito.

Abbiamo infatti ricevuto oltre 100 testimonianze tra testi scritti, video e foto. 

Ogni testimonianza è interessante e a suo modo preziosa: come il video in cui Manuela Bollainfermiera pediatrica presso l’Ospedale di Alessandria racconta come è stato occuparsi delle nuove nascite in un periodo emozionalmente difficile. 

E poi le piccole storie dei bambini nascosti tra le mura domestiche: da Teseo che affronta con timidezza i suo primo giorno di didattica a distanza, a Matteo sconsolato davanti alla porta chiusa della scuola, a Pietro che dipinge con colori vivaci la sua stanza, fino a Ginevra che abbraccia le maestre attraverso il tablet.
Quindi immagini anche divertenti come il surreale giro dell’isolato di corsa di una famiglia o  un torneo di burraco for ever; poetiche come la registrazione del canto degli uccelli all’alba udibile anche in piena circonvallazione; piene di fiducia come i 90 anni in quarantena di Tommaso Leva, fino alla drammatica cabina telefonica rimossa di fronte alla casa di Marco Tibaldeschi che gli fa ricordare un amico vittima del Covid da cui vorrebbe ancora ricevere almeno qualche telefonata…-

Per iniziare a restituire ciò che hanno ricevuto, Gli Illegali e BlogAL, promotori dell’iniziativa inserita all’interno del progetto Borgo del Teatro – l’Archivio delle Storie, riconosciuto per il terzo anno consecutivo dalla Fondazione SociAL come progetto meritevole all’interno del Bando Social, hanno costruito un archivio multimediale – che invitano tutti ad andare a visitare agli indirizzi: www.illegali.it/memoria e www.blogalessandria.it/memoria .

Ma nostro  il percorso non si ferma qui e continua con eventi come i  laboratori di scrittura virtuali “Alla ricerca di memo(rie)”  in cui Massimo Brioschi invita i partecipanti a esprimere e focalizzare i propri ricordi attraverso la scrittura, e proseguirà per tutto l’anno. Noi restiamo in ascolto dei nostri concittadini fino a quando avranno voglia di ricordare e di testimoniare..-

L’invito è quindi  ancora per tutti gli alessandrini  non lasciare spegnere  ricordi ed emozioni  di questa pandemia trascorsa, ma dare loro maggiore valore e donarli al progetto “Accogliamo la memoria”,  inviando  video, foto, audio, lettere, mail, fogli scarabocchiati, pensieri a

–          Via whatsapp a 3351340361
Via mail a blogalessandria@tiscali.it oppure a info@illegali.it
Oppure con contatto Facebook alle pagine Gli Illegali o Redazione BlogAL oppure via messaggio privato su messenger

 Tutti i contributi inviati entreranno nell’Archivio delle storie e saranno conservati e pubblicati sui siti www.illegali.it e www.blogalessandria.it e sugli spazi social dedicati.