ORME SVELATE

Una nuova ricerca di un neuroscienziato dell’Università dell’Alberta rivela di più su come il meccanismo che il cervello utilizza per regolare la nostra risposta allo stress potrebbe portare a migliori trattamenti per l’ansia. Il team ha scoperto che due messaggeri chimici – il fattore di rilascio di corticotropina (CRF) e il neuropeptide Y (NPY) – lavorano in opposizione sincronizzata tra loro per rimodellare e ricablare i neuroni in una parte del cervello responsabile delle emozioni, chiamato il amigdala, come parte della risposta naturale del corpo allo stress. La ricerca non solo mostra che il cambiamento si sta verificando nell’amigdala, ma rivela anche che il processo può essere invertito manualmente. I disturbi d’ansia rappresentano un enorme bisogno medico insoddisfatto. Qualsiasi nuova informazione che possiamo raccogliere in relazione alla comprensione dei meccanismi coinvolti con l’ansia fornisce nuovi obiettivi per il possibile sviluppo di farmaci. L’amigdala è una piccola struttura a forma di…

View original post 435 altre parole