Momenti di poesia. Il mare, di Stefania Pellegrini

Qua dove l’ascolto origina il pensare
qua di fronte al mare
guardi l’azzurro
il suo argento brillar, e gioisci
ché oltre al cielo niente lo eguaglia.

C’è un’intesa che ogni pensiero
confonde, e non sai se è vita
o quiete.
Forse desiderio, conoscenza
del profondo ignoto mondo.
Piacere che naviga lontano
ad annullare confini, resistenze.

Sullo scoglio come il cormorano
osservi, raccogli l’onda che incanta,
il tepore di un sole che scalda
e conquistata ti faresti barca
per lasciarti cullare
scoprire la voce del suo eterno vagare.

Questo movimento a volte inquieto,
altre sornione, questa sua grandezza
infinita ti rapisce nel suo meditare…
forse lui sa dove andare!

Anno 2017
Stefania Pellegrini ©
DIRITTI RISERVATI