Scadenza prima rata IMU: differita dalla Giunta Comunale al 16 settembre –
senza incorrere in sanzioni o interessi di mora per ritardato versamento –
per chi abbia registrato con autocertificazione particolari difficoltà economiche

La Giunta Comunale di Alessandria, nella seduta odierna, è ritornata sulle tematiche tributarie e, su proposta dell’Assessore competente Cinzia Lumiera, ha adottato una Deliberazione che si è resa necessaria alla luce del quadro normativo di riferimento ulteriormente modificato nei giorni scorsi e in continua evoluzione.
Ferma restando la scadenza della prima rata IMU fissata per Legge al 16 giugno, la Giunta Comunale ha dato pertanto la possibilità di differire alla data del 16/09/2020 tale scadenza, senza incorrere in sanzioni o interessi di mora per ritardato versamento, per i soggetti passivi che abbiano registrato particolari difficoltà economiche, attestate con autocertificazione, ad esclusione dei fabbricati del gruppo D attinenti ai codici 3925 e 3930, oltre ai codici 359E e 360E, per i quali la scadenza rimane stabilita al 16/06/2020 ai sensi dell’art. 1 comma 762 della Legge 27 dicembre 2019, n. 160.
Resta salvo l’esonero, ai sensi del D.L. 34/2020, solo per gli immobili destinati ad attività turistica.
«Relativamente all’autocertificazione – dichiara l’Assessore ai Tributi Cinzia Lumiera – si tratta di una misura necessaria che tuttavia verrà richiesta non contestualmente al momento del versamento del tributo ma solo in caso di controllo successivo».