Momenti di poesia. Restami accanto, di Stefania Pellegrini

Vieni, questa divina melodia
è ammaliante soavità
prodigio che strega il cuore.
Improvvisa scende la luce
alla sottile linea d’orizzonte
che sembra unire cielo e mare.
Miscelati gialli e rossi intensi
mostrano un cielo di fuoco
che volge alla sera.
Restami accanto,
non serviranno le parole
questo crepuscolo ha la luce,
la voce per alimentare il sogno,
la dolcezza struggente
che gioca coll’illusione.
Restami accanto, faro delle mie ore
l’anima fiorisce
come traboccanti papaveri,
e col vento benevolo
un’orchestra suona
la tenerezza dell’amore.
Restami accanto ancora,
non può finire questa magia
sarei anima senza più astro
notte da crepuscoli senza colori.

Stefania Pellegrini ©

(dalla raccolta “Tra le ali dei sogni”)