Mi sono avventurato
Oltre i tuoi sguardi vitrei,
La teatrale saggezza,
Le menzogne a fin di bene.
Ho lambito la certezza
D’ogni tua falsità
La cattedrale di Domopak
Che hai edificato a scorci.
Infiltrato nel tuo cuore statico
Oltre la melma della logorrea
E gli sfuocati orizzonti
Ho colto fiori vacui.
Fermati qui per, favore
Voglio scendere
E sorprendermi
In singhiozzanti accessi di vita.

© 2 + 0 = 2 – 0 / lemiecosepuntonet

Scendete tutti su lemiecosepuntonet