CONSEGNATO IL PREMIO DANZARENZANO ARTE 22° EDIZIONE 

È stato assegnato alla danzatrice inglese Yasmine Naghdi, Principal della prestigiosa compagnia Royal Ballet di Londra, lo storico PREMIO DANZARENZANO ARTE, giunto alla 22° edizione in questo 2020, nell’ambito del Festival Arenzano in Danza. A consegnarlo, la scorsa domenica nella Sala dei Dogi del Grand Hotel di Arenzano, è stato il direttore artistico del Festival Patrizia Campassi, insieme a Romina Chiossone in rappresentanza del Comune di Arenzano.

La giovane ma già affermata ballerina del Royal Ballet, con all’attivo importanti ruoli del repertorio classico, è stata premiata non solo per il suo grande valore artistico, ma anche per le sue  spiccate qualità umane e il suo  impegno sociale verso i giovani. 

La Naghdi, infatti, ha voluto realizzare un videoclip in cui compaiono anche quattro giovani allieve legate alla manifestazione Arenzanese, Rebecca Beltrame, Elisa Buratto, Vittoria Maggiani e Giada Reineri,  girando il video sul lungomare Europa a Piani D’invrea a Varazze e dedicandolo a tutti gli studenti che in questo momento hanno dovuto rallentare gli studi nelle scuole di danza di  provenienza, con il preciso scopo di spronarli a non smettere di avere speranza nel futuro.

Il video, girato dal filmografo genovese Lorenzo Rapetti, sarà presentato prossimamente a livello internazionale, complice Arenzano in Danza che in occasione del Premio ha potuto dare risalto all’iniziativa. Yasmine Naghdi, con grande eleganza come vuole la tradizione inglese, ha ringraziato le Istituzioni per l’accoglienza e Patrizia Campassi per averla insignita del prestigioso premio.

La Capogruppo di maggioranza Romina Chiossone, in rappresentanza del sindaco Luigi Gambino, ha speso parole di elogio nei confronti della storica manifestazione e del Premio, dei quali il Comune di Arenzano da anni è partner istituzionale.

Alla presenza di una platea composta da esperti di danza e balletto, insegnanti di scuole private italiane e liguri e  di giovani appassionati, Patrizia Campassi ha messo in risalto quanto sia importante in questo difficile momento per la danza, per il nostro Paese, e per il mondo intero, continuare a sostenere progetti storici dall’alto valore culturale ed artistico, che con la loro tradizione hanno nel corso di questi anni, contribuito a valorizzare il territorio e anche l’economia, sia a livello nazionale che internazionale.

Il Premio, infatti, è stato consegnato  nel corso degli anni  passati ad illustri nomi della danza, che  approdati nella città ligure hanno partecipato al Festival valorizzando l’aspetto turistico-culturale ed incoraggiando i giovani, attraverso le loro testimonianze umane e professionali, ad impegnarsi in modo serio e costante per raggiungere i loro obiettivi.

Anche in tempo di Covid, le difficoltà non hanno fermato l’arte e chi da anni crede e promuove progetti artistico–culturali come il Festival di Arenzano in Danza.