Sembrava la luna che danza sull’acqua
sembrava la luna che nell’acqua si sciacqua,
il bimbo alla riva non aveva paura
pur se la notte era profonda e scura.

Aveva una una torcia che fende il buio
così di lune ce n’erano un paio,
danzavano insieme il bimbo e la luna
non si capiva più chi era l’una.

L’altra girava e girava veloce
l’acqua agli scogli le dava la voce
ma tu non dormire, non ti addormentare
o l’una resta da sola a girare.

L’altra aveva una coda di stelle
e il bimbo pensava a quanto eran belle
ma la torcia si spense e non c’era nessuno
nè l’una nè l’altra, solo il buio importuno.

Il buio e l’acqua che passa sui sassi
che viene e che va, come se t’amassi
e nel buio l’onda, che va e viene
come l’una e l’altra, code di sirene.

foto wikipedia

https://bonvinifranco.wordpress.com/2020/07/08/luna-2/