FERNANDO PESSOA  (1888-1935): Epigramma memorabile del grande poeta portoghese

Di Elvio Bombonato

Se dopo la mia morte volessero scrivere la mia biografia, non c’è niente di più semplice.
Ci sono solo due date – quella della mia nascita e quella della mia morte.
Tutti i giorni fra l’una e l’altra sono miei.

FERNANDO PESSOA  (1888-1935)

Epigramma memorabile del grande poeta portoghese.

Quando ero giovane, dicevo a me stesso:
Come passano i giorni, a giorno a giorno,
E niente di ottenuto o progettato!
Più vecchio dico, con ugual fastidio:
Come, uno dopo l’altro, i giorni vanno,
Senza nulla di fatto e nulla nell’intenzione!
Così naturalmente, invecchiato,
Dirò, e con ugual voce e senso:
Un giorno verrà il giorno, in cui ormai
Non dirò più niente.
Chi niente fu, né è, non dirà niente.

FERNANDO PESSOA  (1888-1935)

Questa poesia si comprende solo quando si è vecchi.