OH, IL MARE, di Carmelo Salvaggio

Oh se il mare volesse! 

Potrebbe tremante,

abbracciare il mio scoglio di luna.

Vederlo affondare e risorgere 

colmandolo di buona fortuna.

Potrebbe materno,

cullarci dentro frotte d’argentee sardelle

e di suoni e di sciami e di luci,

inondarci col brivido di trepide stelle.

Potrebbe impetuoso,

schiumare di rabbia sulla scogliera

infrangendosi in tumulti e boati 

sull’aspro suo petto la sera.

Potrebbe nostalgico,

agitarsi in mezzo a mille lampare

e mite d’un canto di brezza leggera

avvolgere il lido che appare e scompare.

Potrebbe accogliente,

portarci dove è pace e preghiera

e invocando il silenzio

immergerci pio nella luce più vera.

13 luglio 2020

Carmelo Salvaggio

immagine mia