Inspiro, espiro, di Laura Segantini

Inspiro, espiro.

Un passo dopo l’altro,

un giorno dopo l’altro.

La polvere si posa,

sui visi bianchi delle statue.

La polvere si posa,

su chi è troppo stanco

di correre.

Un giorno dopo l’altro.

Le foglie cadono, le gemme

sbocciano.

I fiori affollano i rami.

Un giorno dopo l’altro.

Forse ti guarderò negli occhi,

una volta soltanto.

Si fermerebbe il tempo,

lo so.

Perderebbe il conto.

E, forse, anche noi.