Bonus per salvare i ristoranti, la proposta della Bellanova

La ministra dell’Agricoltura vorrebbe distribuire 1 miliardo di euro da dividere tra 180 mila esercizi: 5 mila euro a testa a fondo perduto

23 Luglio 2020, quifinanza.it

Un fondo ad hoc di 1 miliardo di euro da destinare a 180 mila ristoranti: 5 mila euro a testa, da destinare a fondo perduto per l’acquisto di prodotti agroalimentari nazionali. Questa la proposta della ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova, per evitare un crack da 34 miliardi di euro nel 2020 a causa del coronavirus. La stima della perdita è di Coldiretti, che definisce il bonus pensato dalla ministra non solo importante, ma necessario per garantire un’immediata iniezione di liquidità nel sistema, favorire i pagamenti delle prime settimane di riapertura e sostenere l’acquisto di prodotti italiani.

Coldiretti, i numeri dei ristoranti: calo del 40%

Il lockdown prima e le condizioni di riapertura poi hanno frenato gli italiani: a causa della pandemia i consumi extradomestici per colazioni, pranzi e cene sono stimati in calo del 40%. Un colpo durissimo per la ristorazione, dato che la situazione pre-Covid vedeva il 35% degli italiani mangiare abitualmente fuori casa: valore generato, 86 miliardi di euro.

Il crollo vertiginoso mette a rischio il lavoro di 1,3 milioni di addetti e il futuro di 180 mila ristoranti. Crollo che pesa poi anche sulla vendita di prodotti agroalimentari: carne e pesce, ma anche salumi e formaggi, passando poi per il vino e la birra. Non poter mangiare fuori causa infatti una domanda minore di cibi e bevande, dunque uno stallo nella filiera produttiva in più parti.

Il problema dell’assenza dei turisti

L’altro grande problema per la ristorazione è l’assenza totale, o quasi, dei turisti dall’estero. Nel 2019, infatti, gli stranieri in vacanza d’estate erano stati 16 milioni. Ne stanno facendo le spese soprattutto le città d’arte: chi sceglie di venire in Italia, infatti, lo fa quasi esclusivamente per raggiungere il Sud, le Isole. Più indietro il Centro, in grave difficoltà il Nord-Ovest.

Per sostenere la filiera agroalimentare dal campo alla tavola, Coldiretti è impegnata nella mobilitazione #MangiaItaliano. La campagna punta a favorire il consumo di cibo 100% tricolore nei mercati, nei ristoranti, negli agriturismi con il coinvolgimento di numerosi volti noti della televisione, del cinema, dello spettacolo, della musica, del giornalismo, della ricerca e della cultura, ma anche di industrie alimentari e distribuzione commerciale rappresentate in Filiera Italia.