Scrivo così, di Sandra Mirabella

Scrivo così 

nell’attesa della Sera,

parole di suoni del vento

o di Silenzi della stanza, 

parole con colori di nuvole 

che testimoniano 

l’oggi  che corre 

braccato

spinto 

inseguito.

Scrivo di sogni impazziti 

tra i dirupi dei giorni, 

parole poco ornate

o troppo adorne, 

della  paura che sale 

a notte e si arrampica 

a pareti d’ombre.

Scrivo nel Silenzio 

delle ore, 

traccio un segno

un ordito. 

Sandra Mirabella 

Foto mia

Alba al mio balcone

Dalla pagina Facebook di Giò Porta