Diesis

Ciò che sono, chissà se l’hai mai messo in conto
ché l’essere mio ha una voce
un rimbalzare acuto, e non si spegne.
È la somma del non detto e brucia
e tu, cerchi a ritroso le mie spine
ché le rose, tutte l’hanno
Così m’han detto –alza la guardia-
l’anziana voce che non mente. ( Non le ho creduto).
E m’hai ucciso.
Il mondo ha d’ostile l’uomo
ché se stesso e solo è fondamentale
e la presunzione ammazza ingrata ogni passato, ogni grembo
e ogni inconveniente di cui ha paura.

E tu di me hai preso tutto, anche la vita.
E io di te ricordo il nulla, ché solo chi non s’eleva, teme

#diesis

View original post