Nell’anno segnato da lockdown e maltempo la provincia si prepara alla raccolta delle uve
Vendemmia, previsioni: qualità a macchia di leopardo e resta l’incognita del mercato
Ripercussioni dalla mancanza di voucher semplificati e di manodopera, settore in sofferenza

Il maltempo dei giorni scorsi che ha piegato i filari su stessi e sferzato i grappoli nella delicata fase di maturazione ha compromesso parte della raccolta delle uve in alcune parti della provincia.

Vendemmia che inizierà i primi giorni di settembre per quanto riguarda la base spumante, Chardonnay e Pinot Nero, proseguirà con le uve Moscato, Erbaluce, Gavi, Timorasso, Arneis e successivamente Dolcetto, Nebbiolo, Grignolino e Barbera.

Dal punto di vista “tecnico” le uve sono in una condizione che potremmo definire a macchia di leopardo: ossia, in alcune zone si riscontra grande qualità mentre in altre si devono fare i conti con la presenza di peronospora e del temuto black rot (marciume nero), malattia favorita dalle condizioni climatiche caldo-umide.

“Quest’anno come già accaduto in passato la differenza la farà chi ha fatto un buon lavoro in vigneto – affermano i tecnici vitivinicoli di Coldiretti Alessandria -. Rispetto al 2019 possiamo ipotizzare, a livello provinciale, un +5% di produzione, anche se al momento non è ancora possibile fare previsioni per il grado zuccherino; resta un’incognita anche l’andamento del mercato e, in particolare, quanto sarà la richiesta di prodotto da pronto consumo”.

Una raccolta delle uve, dunque, che deve fare i conti con la crisi in cui versa il settore vitivinicolo a causa dei mesi di lockdown che ha procurato perdite sino all’80/90%.

“Dove non è arrivata la grandine le viti non sono in sofferenza ma le prossime settimane saranno fondamentali, molto dipenderà dal clima del resto del mese di agosto e da quello di settembre per confermare le previsioni. – ha affermato il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – E’ una vendemmia che potremmo azzardare a definire di qualità quella che inizierà a breve nei vigneti alessandrini: le operazioni di raccolta scatteranno tra poche settimane, soprattutto per quanto riguarda le varietà precoci e le uve destinate alla spumantizzazione che stanno ora entrando nel vivo per raggiungere il clou dalla seconda metà di settembre”.

E, ancora più in tempo di vendemmia, diventa prioritario snellire la burocrazia per garantire nuovi posti di lavoro: “Una semplificazione dell’attuale normativa sui voucher potrebbe consentire di recuperare con trasparenza posti di lavoro occasionali nelle attività stagionali in campagna. – ha aggiunto il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – Un dato è indicativo: meno del 2% del totale dei voucher in passato è stato impiegato in agricoltura dove sono nati e rappresentano un valido contributo all’emersione del lavoro sommerso”.

Fondamentale ridurre i costi per le imprese “per assicurare al settore uno strumento che semplifichi, sia agile e flessibile rispondendo soprattutto ad un criterio di tempestiva e disponibilità all’impiego e dall’altra sia capace di garantire forme di integrazione del reddito alle categorie più deboli in un momento in cui ne hanno particolarmente bisogno” hanno concluso Bianco e Rampazzo.

Per quanto riguarda la “vendemmia verde selettiva” la scadenza è lunedì prossimo, 10 agosto. La criticità più rilevante, che annacqua gli obiettivi economici e gestionali alla base di questo intervento, è l’esclusione dei superi dal calcolo della resa da prendere come riferimento per applicare la riduzione minima del 15%. Conseguentemente il quadro operativo in cui si presentano le domande prevede che la richiesta per essere valida deve prevedere una riduzione della resa DOC/G effettiva rivendicabile di almeno il 15%, superi esclusi. Questo significa rinunciare a una quota di DOC/G effettiva.
Vuol dire che l’interesse per la misura si affievolisce enormemente, ma anche che la riduzione delle uve complessive per alleggerire il mercato è incerta, per non dire banalizzata.