Fate finta di credere che non sia finita.
Difficile l’aria
schianta per terra
con violenza
le ore possedute
dalla tua, dalla sua, dalla loro voglia.
E dalla mia?
Perché non tace
il corpo
perché parla ancora?
So, ahime! quel che dice

Un menestrello canta, canta,
mi canta contro
un atto unico, un’esperienza terminale
è il mio corpo
Ma esiste ancora?

Attiro il balcone come l’armadio
attira la polvere

https://poesiesemiserie.com/page/39/

foto tumbir