Essere eleganti è assai raro

è qualcosa di poco comune

_ non ha nulla a che fare

con gli abiti di gran lusso _

perché l’eleganza è rifiuto

_ di contemplare canoni

per risultare omologati _


la vera eleganza risiede nella mente

se lo si capisce il pensiero fluttua lieve


_ è questione d’ipotalamo

sono alchimie sinaptiche _

però io mi domando spesso

senza trovare risposta alcuna

_ cosa sia che sospinge la massa

a cercare nella banalità dilagante _

come ci può apparire la bellezza

se siamo tutti fermi e intrappolati

nei soliti stereotipi surclassati?



Il danno peggiore _ poi _

ce lo arrechiamo da soli

succede ogni volta in cui

volendo piacere ai più

seguiamo ciecamente

tutti gli altrui dettami

_ in automatico _

senza agire in autonomia.



Da tanto mi sono spogliata

ho dismesso l’abito grazioso

_ più attratta dalle mie mode

che dalle imposizioni altrui _

non sono troppo osservante

specie se non c’è gentilezza

e _ ve lo dico compiaciuta _

la bella bambola che avevo

l’ho scientemente smarrita.

@lementelettriche – di Paola Cingolani