E tu riposa
respira
prendi fiato
adesso ci riesci
bene
_ sei stata più forte
della menzogna _
che laida
e subdola
ti ha avvolta
senza poterti intaccare.

Tu continui
a veder ardere
le stelle nel cielo
a viaggiare calma
sui tuoi vascelli fantastici
giochi
porti comete sul mare
e navigli fra le nuvole
così
avvisa i signori naviganti
che con arbitraria allegria
dai tuoi tanti naufragi
al momento si fa scalo
su di un approdo sicuro
ricorda
sei nata sullo scoglio
sei figlia del mare
non temi rivalità
e saluti le sirene
resti fra le polene
per riprendere il viaggio
quale vecchio legno sicuro.

Prendi fiato
riposa
respira
gli ippocampi sorridono
ancora
persino oggi
come quand’eri bambina.

@lementelettriche – di Paola Cingolani