UN’ALBA NUOVA, di Vittorio Zingone    

Un’alba nuova    

com’è nuovo il mondo,   

com’è nuovo   

il sorgere del sole,   

il divino canto degli uccelli.   

Pazienti attendon   

le gemme corazzate   

che il gel si stanchi   

d’opprimere i viventi;   

verrà l’alba   

in cui novel tepore   

carezzerà   

con dita sue leggere   

la chiusa corolla   

di screziati fiori.   

Ogni ramo intanto   

è quale arto ignudo   

teso a implorar   

dal ciel silente   

gocce di luce   

intinte in tavolozze   

di pulito azzurro  

da scioglier sulla pagina   

d’ogni fragrante petalo   

colorato, bello.

foto pexels