Racconto: Una riflessione al ritorno dal mare, di Rita Mazzotta-mazzotta

Sono appena tornata dal mare, durante la strada del ritorno tutta la mia mente è stata travolte da mille pensieri ma la domanda principale che mi ponevo è stata ed è ancora dov’è in me o negli altri il concetto di giusto. È meglio dire sempre di sì anche se si pensa diversamente e per il quieto vivere non contraddire? Mi potrebbe essere risposto che si può e si deve dialogare su un dato argomento. 

Ma se uno rispetta l’altro e viceversa va bene, se invece vi è una terza persona cui non si lascia la parola o anzi gli altri due maleducatamente la interrompono continuamente. 

A questa terza persona rimangono due possibilità: o dire “avete ragione”e prendere in giro gli altri due lasciando loro l’illusione di essere nel vero e non scendere al loro livello di maleducazione oppure ribellandosi ad essere ipocriti cercando di fare capire la propria opinione insistendo a ragionare ma se la loro maleducazione non desiste come risolvere il problema? 

A mio avviso l’unica risoluzione sarebbe non insistere a discutere ma allargando la relazione ad un rapporto solo di dovere, i rapporti che secondo me non sono autentici, spontanei ma freddi e da falsi cortesi ma forse ancora non ho capito e accettato che tutta la vita è una falsa cortesia ed è meglio soli che malaccompagnati…