TEMPO, di Paola Varotto

Hai acceso la luna

dentro di me.

Il chiarore lattiginoso

invade le membra che

si espandono,

si dilatano, speranzose.

A trattenere quante più emozioni

quanto più amore possibile.

Cellule impazzite,

di puro sentimento intrise.

Di mani protese ad afferrare

il mondo, che, si offre, si prostra

ai miei piedi, bianca vestale,

che attendo il mio tempo da bere

centellinando i sorsi della vita

ancora da vivere.

Hai acceso speranze, elargendo

a piene mani, nettare che dà vita.

Non basterà pensarti

il lento fluire del tempo,

avvelena il mio esistere!

©Copyright 633/1941

Paola Varotto