Un mese segue l’altro, di Vittorio Zingone

Un mese segue l’altro   

Un mese segue l’altro;   

Sembra uno scherzo  

Il tempo che passa  

E lascia i segni,  

Il tempo che ci accosta   

E ci separa.   

Defunge un sentimento sovrumano  

Che rendeva cara la vita al pessimis

ta,  

S’apriva in lontananza il paradiso,  

Raggiungerlo sembrava facil gioco.   

Muore l’amore e lascia una ferita  

che sanguina, un’ombra di sgomento   

Nel cuore si scioglie, vi si fonde.   

Come vorrei ritornare indietro  

Per rifugiarmi ancora come un bimbo   

Fra le braccia di chi sapea cullarmi;  

Pagherei un sorriso con la vita!

foto pexels