COSI’, di Vittorio Zingone 

Cosi’ trascorron ratti l’ora, il giorno   

come trascorro io dinanzi al mare      

con sensi di dolcezza e nostalgia   

per te che sei celata tra le case   

d’un borgo che giace nella selva   

accanto al Naviglio, al murmure Ticino.   

Cosi’ potessi viverti nel cuore,   

farti sulle arcane rive della vita   

questo mormorio che intona il mare   

sull’inclinato, curvo litorale!   

Cosi’ potessi navigarti dentro   

come le eteree meduse il mar Tirreno   

increspato per la lieve, fresca brezza   

di fronte a Fiumefreddo, Longobardi  

dove, anzi il miracoloso sorgere del sole,   

di mattina in mattina muovo passi,   

solitario, pensieroso andando,  

smemorato d’ogni altra cura, non di te,   

amica lontana che mi vivi dentro.   

Beccano gabbiani lor pastura  

narrandosi chissa’ mai quali venture,   

quali soavi sogni sognati  

al lume delle stelle, di selene.   

Ma poiche’ mi vedono appressarmi,   

non fidando nel buon cuore umano,   

spiccano il volo e posano distante,   

magari spesse volte alle mie spalle  

per vivere in sicurta’ gli assegnati giorni.   

Come nel volo io pur vorrei celarmi,  

uno di loro esser per magia,   

starmene del mar Tirreno alla presenza   

notte e giorno fosse finche’ vivo!   

Cara, quando nell’insubria valle   

saro’ ancora per magia d’aerei, di treni,   

dove vivi gia’ tu dacche’ sei nata,   

ti mettero’ in mano questi ed altri versi   

a te dicati per narrarti al cuore innamorato   

e sian gioiosa pastura per me che li vergai   

prima che con magnificenza il sol sorgesse  

e ancor per te, per il tuo cuore e l’anima, mia Sina.

foto pexels