Non ho bisogno di tempo, di Pedro Salinas

Recensione di Elvio Bombonato

Non ho bisogno di tempo
per sapere come sei:
conoscersi è luce improvvisa.
Chi ti potrà conoscere là dove taci
o nelle ore in cui tu taci?
Chi ti cerchi nella vita
che stai vivendo, non sa
di te che allusioni,
pretesti in cui ti nascondi. Io no.
Ti ho conosciuto nella tempesta.
Ti ho conosciuto, improvvisa,
in quello squarcio brutale
di tenebra e luce,
dove si rivela il fondo
che sfugge al giorno e alla notte.
Ti ho visto, mi hai visto ed ora 
sei così anticamente mia
da tanto tempo ti conosco
che nel tuo amore chiudo gli occhi
e procedo senza errare,
alla cieca, senza chiedere nulla
a quella luce lenta e sicura                                                                                                                     con cui si riconoscono lettere                                                                                                                         e forme, e si fanno i conti                                                                                                                                     e si crede di vedere                                                                                                                                         che tu sia, mia invisibile.

PEDRO SALINAS, 1933, La voce a te dovuta (trad. Emma Scholes)

Salinas (Madrid 1991- Boston 1951) è, insieme a Garcia Lorca, Machado, Jimenez, Alberti, uno dei più importanti, poeti spagnoli del ‘900.  Questa poesia, appartenente al suo Canzoniere d’amore, unisce l’io lirico al tu, con cui si rivolge alla donna amata. Metafore, talvolta materiche talvolta metafisiche, la intessono e la coprono di ‘tenebra e luce’, fino a credere che la donna sia ‘mia invisibile’.