Si stanano le nuvole
e in cigli rosei
tendono vie di vento, come
tavole antiche di effemeridi.
Entrano in terra i verdi,
morbidi appigli scavano
bordati di frescura-
ruotando ancora dolci, luci
e altalene di oscurità.

foto dell’autrice