tu dici:
ecco violento è adesso il silenzio
inchioda pellegrinaggi amari
che si incuneano e non sbocciano

chi manda questo martello?
svolge buio nelle vene
filo conduttore di intimità estranea fuoriscena
o-scena

dell’ ora che lo favorisce
si sa nulla
solo cospira con ghiacci assassini
precipita a cuore chiuso
si inabissa gela vesti
veste gelo: sensi proibiti in circolo

tu dici:
prima che niente si perdesse
non fu l’ultima impressione
a non aver misura
incontenibile era l’infinito a noi
e vero

io dico:
apri il silenzio
spalanca quella boccaccia contusa.
Silenzio! urlo di Dio e
dei morti

SIPARIO

Il grido assordante nel silenzio - Blog Università eCampus

https://poesiesemiserie.com/page/39/