Sbuffi di nubi, di Rosalba Di Giacomo

Sbuffi di nubi

come ovatta sprimacciata

imbibita di mare e di sole

errano su rossi tetti roventi

su campi di fieno essiccato

su verdi boschi assetati.

Passeggere in un cielo d’estate

che della calura non conosce tregua

solitarie vagabonde annoiate

mirano il mondo dall’alto

innanzi che il dì si dilegui.

Piccoli cirri gonfi di calore

silenziosi miraggi d’acqua piovana

viaggiatrici estive indecise 

che attendono l’autunno per agire

con piglio deciso.

Guimaraes, 21 agosto 2019