COME ALLORA, di Poeta Scrittore Osvaldo Rosi

COME ALLORA

Era un altro viso

il tuo e un altra fede

quando mi accarezzavi 

il viso.

E mi dicevi: domani e’ un’altro GIORNO

Vecchio ricordo

che nella attesa

lunga sembrava la notte

e io volevo che  scivolasse

come la sabbia tra le dita.

Per poi raccogliere qualcosa

per prendere sul porto

la mia nave della speranza,

mi dava luce quel pensiero,

come il sorriso

sul viso di  un bambino.

oggi queste parole non le sento Più.

TI PREGO,

parlami ancora?

Domani e’ un’altro giorno,

io come ieri riprenderò

la nave del ritorno!

O R

foto pexels