Profondi sono i tuoi occhi:

un oceano turbato dal volo degli uccelli

e quelle scintille illuminano

come sole sui campi di grano…

 

ti chiedo di sederti vicino a me,

l’aria carezzevole ha un suono rotondo,

oggi tutto è luminoso e domina la quiete

su questo prato dall’erba smeraldina.

 

Una giornata sfolgorante,

uno di quei giorni frizzanti e leggeri

come il sole presente sui sassi,

la coda dell’estate tiene ancora

alta la stagione.

 

L’azzurro del cielo scevro di nuvole

 la sua bellezza

mi entra nella voce e la spezza…

e io mi lascio trasportare da quell’emozione

che canta allodole nel petto.

 

@Grazia Denaro@