A RACHELE, di Vittorio Zingone

A RACHELE   

COLMATI GLI OCCHI   

DELLO SPLENDORE  

DEL PESCHETO IN FIORE,   

COLMATI IL CUORE   

DELLE SUE FRAGRANZE.   

MIO SIA IL PROFUMO DI CAMELIE,   

DI GLICINE, CILIEGIO, DI FORSIZIE.   

CONDIVIDI CON ME IL CONVERSARE,    

IL PIACEVOLE TENERMI COMPAGNIA  SUL CELLULARE.   

FORSE MI FAI LE COCCOLE NEL CUORE,  

MAGARI M’ACCAREZZI NEI PENSIERI,   

O M’ESALTI NELLA FANTASIA,     

PARLI DI ME ALLE VERDI SERRE,   

AL SELVOSO PIANORO DELLA SILA.   

AL MORMORIO DEL CRATI E DEL BUSENTO  

LADDOVE LE ACQUE S’INISCONO FRA LORO  

TU VAI NEL POMERIGGIO A PASSEGGIARE,   

INTANTO CHE MI COCCOLI NEL CUORE,   

MI LASCI ENTRARE, USCIRE A MIO TALENTO  

DALLE SEGRETE CAMERE D’AMORE.