AL LUME DI LUNA, di Vittorio Zingone

AL LUME DI LUNA   

SORGE LA LUNA OR ORA   

E LA NOTTURNA TENEBRA DIRADA.   

OMBRE SILENTI QUA E LA’  

SOTTO IL LIMPIDO CIEL DISSEMINATE.   

IL FIRMAMENTO E’ SPLENDIDO,  

IO LO RIMIRO ESTATICO,   

I RAGGI DELLA LUNA   

GLI OCCHI MI FERISCONO.   

SPUNTANO LE LACRIME   

BAGNANDO IL VISO MIO;   

NON SO COSA LOR MANCHI   

PER LACRIMAR COSI’.   

UNA RAGAZZA BRUNA   

NELLA MIA MENTE APPARE   

A RICORDARMI  LA FINE DI UN AMORE.   

BRINA, TU CHE NELLA NOTTE  

SPLENDIDA DI STELLE  

AD ASCIUGARE VIENI  

GLI OCCHI DELL’AMATO,   

NON DISTURBARE ANCORA   

I SONNI MIEI INFELICI.   

PERCHE’ NELLA NERA NOTTE   

VIENI A ME, OMBRA TRA OMBRE?   

SIMILE A NUBE NERA  

CHE M’IMPEDISCE DI VEDERE IL SOLE,   

TU MI SBARRI LA VIA AI DOLCI SOGNI.   

NON TORMENTARE ANCORA QUESTO CUORE   

CHE PER TE SOFFRI’ NON POCHI DRAMMI;  

CREDO CHE L’IMMAGIN MIA   

 DISADORNA E VANA NON VENGA  

A DISTURBARE TE MENTRE SOAVI SOGNI  

T’INNALZANO NEL CIELO,  

OPPUR TI POSANO LEGGERA   

IN GIARDINI  BELLI E PROFUMATI  

DOV’E’ GIOIA IMMENSA DIMORARE.   

TRANQUILLO LASCIA, CARA, IL VIVER MIO  

CHE DA QUANDO MANCHI TU  

A DELIZIOSI SOGNI MI DISSETA  

E NELLA REALTA’   

DESIDERAR MI FA BELTADI NUOVE.   

TU ERI BELLA ASSAI ALLOR   

CHE IL CUORE MIO T’AVEA PER SOMMA DIVA;  

TU ERI DELIZIOSA ALLOR CHE L’ALMA MIA  

ESTATICA SI DISSETAVA   

ALLE TUE LABBRA SOFFICI,   

AI TUOI SORRISI AMABILI,  

ALLA VOCE TUA DI ANGELO.   

 NON MI FACEA SOFFRIRE  

LO SGUARDO TUO INFUOCATO;  

DISGUSTO NON AVEVO  

DELLE CAREZZE MORBIDE  

CHE AMAVI FARE A ME  

QUANDO STAVAMO INSIEME   

UN GIORNO, UN’ORA, UN SOL MOMENTO.   

BRINA, GIA’ LA LUNA ALTA NEL CIELO   

RICORDA AL CUORE MIO  

I BACI CHE MI DESTI,  

LE CAREZZE APPASSIONATE,   

LE BRACCIA INTORNO AL COLLO,  

IL NOSTRO AMORE.   

MALINCONIA MI PRENDE LENTAMENTE;  

VORREI ANCORA TU MI FOSSI ACCANTO   

COM’ALLOR CHE SI FACEANO INSIEME   

BEI PROGETTI, BEI SOGNI AD OCCHI APERTI.   

MA QUELL’ETA’ LIETISSIMA   

NON PIU’ UN DIO BENIGNO   

A NOI CONCEDERA’;  

NELL’INFINITA’ DEI MONDI  

LA GIOVENTU’ SMARRITA  

CHI LA RECUPERA PIU’   

PER RIDONARLA AGLI UOMINI?   

MIA DOLCE, ANTICA VENERE,   

TU CHE VIENI A ME NELLA NOTTURNA PAUSA  

DI QUESTO  VIVER MIO TRAVAGLIATISSIMO,  

NON ESSER PIU’ CRUDELE   

COL TUO ANTICO AMORE;  

LASCIA CHE SPENSIERATO VIVA  

PER QUALCHE TEMPO ANCORA.   

FORSE C’INCONTREREMO SU SENTIERI NUOVI   

DEL FUTURO VIVERE E POTREMO,  

SE LO VORRANNO I FATI, RESTARE INSIEME  

FINO A CHE NON VERRA’ IL MONDO MENO.   

E’ UNA SPERANZA   

CHE ALLA BIANCA LUNA AFFIDO;  

SPERO CHE PORTI VIA CON SE’ QUESTO DESIO;  E MENTRE TU LA GUARDI   

DA ME LONTANA TI DEPONGA NEL CUORE   

QUESTO MESSAGGIO TENERO D’AMORE.

foto pinterest