Eppure.. eri un’altra, diversa da te:

non sai, non riesci a capire perché

tutto quello che di leggiadro avevi

diventato è motivo di disprezzo.

I passati passi hanno lasciato

sul tuo volto un velo di tristezza

ed incerte movenze femminili.

Ogni giorno mangi sale e fiele

eppure.. riesci ancora a cucinare sorrisi,

a stirare le pieghe amare del dissenso,

a ripulire il fango delle offese,

 a disegnare fotografie di felicità

da mettere sul comodino delle lacrime.

 Sei per lui oramai una scatola vuota,

una cornice senza immagine,

eppure… non devi mai pensare

 di specchiarti  per vederti com’eri

 negli occhi di un altro,

non devi mai dimenticarti  

il tuo ruolo di burattino  nelle

mani del tuo Mangiafuoco.

 (per tutte le donne vittime della violenza maschile)

Photo by Rene Asmussen on Pexels.com