Alessandria: La Campagna Nastro Rosa LILT For Women è arrivata alla XXVIIIma edizione. Patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero della Salute è uno degli eventi più importanti della LILT, sicuramente il più atteso dalle donne che – sempre più numerose – si rivolgono alle 106 Sezioni Provinciali sia per acquisire qualificati consigli e suggerimenti in tema di prevenzione che per prenotare visite senologiche gratuite.


La campagna, già da qualche anno, ha un suo logo di riferimento che è “LILT For Women Campagna Nastro Rosa 2020”, elemento distintivo rispetto alle tante altre iniziative su tali tematiche.
Il colore rosa, infatti, non è solo un simbolo da indossare, ma una testimonianza dell’importanza del valore della prevenzione.
La LILT Associazione Provinciale di Alessandria ODV aderisce alla campagna nazionale Nastro Rosa e sta programmando attività ed eventi che attirino l’attenzione dei cittadini, dando particolare risalto all’importanza della prevenzione oncologica, purtroppo trascurata in questi mesi di lockdown. Molte persone infatti hanno rimandato o rinunciato del tutto ai controlli annuali di screening e tra questi moltissime donne.


“Per i pazienti colpiti da tumore – dichiara la Dr.ssa Libener, Presidente della LILT Associazione Provinciale di Alessandria ODV-, esiste un maggiore rischio di essere colpiti da Covid in quanto potenzialmente immunodepressi, ma il rischio è notevole anche se il malato sospende visite, accertamenti terapie. Recenti studi hanno riportato che nei primi mesi del 2020 sono più di un milione gli esami eseguiti in meno in tutta Italia, ci sono state oltre 2000 diagnosi in meno di tumore della mammella e oltre 600 diagnosi in meno di tumore del colon. Oggi sappiamo meglio come difenderci dal coronavirus e sono state collaudate efficaci misure di difesa da possibili contagi. Adesso torniamo alla prevenzione.”
Grazie alla consolidata partnership con l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) a livello nazionale si rinnova la possibilità di illuminare di rosa i monumenti in ogni Comune del territorio nazionale. Quest’anno anche Alessandria, grazie alla proficua collaborazione instaurata con l’Amministrazione Comunale, vedrà, durante tutto il mese di ottobre, il ponte Meier illuminato di rosa. Saranno illuminati di rosa anche i monumenti di alcune città della provincia: torre civica di Casale Monferrato, il palazzo comunale di Novi Ligure e quello di Tortona. L’obiettivo è ricordare alle donne alessandrine l’importanza vitale della prevenzione.
L’appuntamento è per il primo ottobre dalle ore 18 alle ore 20. All’ingresso del passaggio pedonale del ponte Meier sarà presente il Camper, gentilmente concesso dall’Associazione Prevenzione e Salute a Km zero, dove i medici volontari LILT forniranno ai presenti informazioni utili sulla prevenzione del tumore al seno. Alle ore 20 ci sarà l’accensione dell’illuminazione rosa, colore simbolo della campagna LILT, del Ponte Meier. Il tutto sarà accompagnato da un sottofondo musicale a cura del Maestro Franco Taulino.
Inoltre, durante il mese rosa, LILT Alessandria organizzerà presso i suoi ambulatori ospedalieri, grazie alla collaborazione della S.S. di Senologia dell’ASO di Alessandria, Responsabile Dr. Vecchio, alcune giornate in cui si svolgeranno visite senologiche gratuite su prenotazione. La prenotazione è obbligatoria chiamando il n. 0131-41301 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00.
Come ha spiegato l’assessore alle Pari Opportunità, Cinzia Lumiera: “Il Comune di Alessandria ha aderito, con convinzione, alla campagna nazionale della LILT con l’illuminazione di un simbolo della Città: il ponte Meier. Abbiamo voluto aggiungere alla molteplici azioni, già messe in campo da LILT, anche questo gesto simbolico che testimonia la nostra vicinanza e la sensibilizzazione delle istituzioni al tema.
Da tempo il Comune di Alessandria è impegnato insieme all’associazione Italiana Donne Medico per la diagnosi precoce del tumore mammario e per sostenere le campagne di prevenzione. L’emergenza sanitaria di quest’anno ci ha impedito di dedicarci, come di consueto, ad una capillare promozione a sostegno dell’importanza della prevenzione e dei test di screening, a cui dedichiamo già largo spazio all’interno della programmazione del Marzo Donna. Oggi che le condizioni generali lo permettono, approfittiamo di questo mese di ottobre per fare la nostra parte, con questo importante segnale e con una stretta collaborazione. Grazie a ciò sono molte le donne trentenni e le quarantenni che sono state sottoposte gratuitamente ai controlli di screening. Ricordo che anche in assenza di fattori di rischio specifici è fondamentale sottoporsi a un controllo. La tempestività può realmente fare la differenza è aumentare la probabilità di guarigione fino al 95%”.