Photo by Sebastian Palomino on Pexels.com
Guardando l'infinito si cercano
strade che sappiano di primavera
in questo primo scorcio d'autunno.
Il vento ha perso tepore e
profumi della risacca marina
di una battigia ricca di palpiti.
I cirri ormai lasciano spazio a
minacciosi cumulonembi tanto grigi
quanto paurosamente affascinanti.
Si spera sempre che possa essere primavera
stagione neutra tra le fredde serate
ed il tepore dei lucenti colori dei giorno.
La via del cuore è sempre per tutti tortuosa
sembra una strada lineare senza fine..
ma una cosa è certa...la sua linearità
delle volte è tanto banale quanto misteriosa.
Essa regala una verità nel suo incedere...
rimarrà per sempre un viatico infinito.


Salvo Occhino

I diritti sono dell'autore