Momenti di poesia, ATTENUA, di Vittorio Zingone

ATTENUA    

Attenua la dura agonia    

di chi è sul letto di morte,   

di chi è tra mura nemiche   

a scontare reati commessi,  

fatti strumento salvifico,   

fatti concreta speranza,   

misericordioso mio Dio.   

Non consentir che la colpa   

insidi impunemente lo spirito   

d’ognun che t’è caro,  

non lasciar che perisca   

alcuna creatura   

tra gorghi di sabbie colpevoli,   

Signore d’Amore gratuito.   

L’inizio e la fine   

d’ogni volger di sole, di stelle   

sia una prece per te   

che hai i destini del mondo   

tra le possenti tue mani,   

Signore di gloria,   

dispensatore di Grazia salvifica.   

Volgi, o Vergine pura,   

Madre del Cristo vivente,  

il tuo benevolo sguardo   

sugl’infelici miei giorni,   

sulla strada che abbiam da percorrere   

per guadagnare la meta promessa,   

o porto di pace sicura,   

nel mare dei secoli eterni.

foto pexels