Momenti di poesia. Scrivi – leggi, di Stefania Pellegrini

Alfred Sisley

Scrivi – leggi

dei giorni trascorsi,

dei giorni senza ritorno.

Scuse – accuse,

ciottoli – sassi,

voci e volti tramontati,

un vuoto a perdere

che non agevola il cammino

e niente rende

dei sogni giocati.

Briciole – flussi di rimpianti

e questo vento sottile

di pioggia e sole

che attraversa il cuore.

Dovrà pur cedere

il fastidio

che condiziona l’armonia

e provi a cantare – ridere

sul volteggio delle foglie

che non riesci a fermare.

Scrivi – leggi

il tempo – le stagioni,

sperando possa passare

senza far male.

Stefania Pellegrini ©