Momenti di poesia, Torna, di Vittorio Zingone

Torna   

Torna sempre sera;  

Scende la notte   

Su case e su campagne;  

Tacciono gli uomini   

Di fare lor baldorie,  

Tacciono gli uccelli,  

Si celan sotto tetti,  

Tra lussureggianti fronde.   

Lu, la bella Lu  

Chissà se dorme o veglia,  

Chissà quali pensieri  

Molciono il suo cuore,  

Chissà se pure lei   

Rimembra gli occhi miei,   

Il mio sembiante  

Com’io rimembro lei   

Con nostalgia stringente  

Nel silenzio raccolto della notte,  

Al lume di selene,  delle stelle.  

Memoro il suo dire, i suoi capelli,  

La stretta sua di mano  

Mentre mi fissa  

Il nuovo appuntamento,  

Mentre mi divora  

Con  i suoi occhi neri,  

Fascinosi, Caldi, belli.  

Trascorre il tempo,  

Suscita emozioni,  

Suscita desii  

Di giorni più propizi,  

Suscita malinconie di lontananze   

Che fanno male al cuore,  

Condannano la vita   

A vagare disperata  

In deserti senza fine.  

Lu, giovane mia Lu,  

Come rimpiango  

Di non avere detto    

quel che avrei voluto dire,  

Di non avere fatto  

Quel che avrei voluto fare,  

Restare dove avrei voluto   

Per l’eternità restare!

foto pexels