ME NE VULESSE JÍ (Dialetto campano)
Me ne vulesse jí addó ‘e llimone
cresceno ‘int’ ê ciardine a rriva ‘e mare,
addó ll’addore d’’e sciure cchiú rare
se mmesca cu ‘o sapore d’’e ccanzone…

addó pure chi è vviecchio è ‘nu guaglione
cu ‘o core ca suspira e nun lle pare
ca ll’ammancano ‘e fforze pare pare
e s’à dda jí a mmettere a ppiccione!…

Me ne vulesse jí a Positano
dinto a ‘na casarella cu ‘o ciardino
‘na voccola e ‘na mmorra ‘e pulicine…

e ‘mmocc’ â porta nce mettesse ‘o cane
pe ffà paura a chi – bruttu straviso! –
me scuncecasse ll’aria ‘e paraviso!

Me ne vulesse jí, ma chi t’’o ddà?
Ormaje so’ cundannato a murí cca!… (RAFFAELE BRACALE)

  Traduzione 

ME NE VORREI ANDARE
Me ne vorrei andare dove i limoni
crescono nei giardini a riva di mare,
dove l’odore dei fiori piú rari
si mescola con il sapor delle canzoni…

dove anche chi è vecchio è (ancóra) un ragazzo
con il cuore che sospira e non gli sembra
che gli mancano tutte le forze
e deve mettersi da parte!…

Me ne vorrei andare a Positano
in una casetta con un giardino
una chioccia ed uno stuolo di pulicini…

e davanti la porta ci metterei un cane
per spaventare chi – brutto soggetto! –
mi guastasse l’aria di paradiso!

Me ne vorrei andare , ma chi ne offre l’opportunità?
Ormai son condannato a morire qua!…