Lavoro, Economia, Covid19, la situazione è grave, di Pier Carlo Lava

Alessandria today: La situazione in Italia – Lavoro, Economia, Covid19

Lavoro e Economia: Conseguenze del Covid 19, da febbraio sono stati persi 700.000 posti di lavoro a rischio sono 1 milione, il commercio e le imprese sono in difficoltà, il Pil è sceso drasticamente -12,4% nel secondo trimestre e del 17,3% in termini tendenziali. 

Persi 50 miliardi calo senza precedenti, la situazione economica e sociale attraversa un periodo di estrema difficoltà. 

Covid 19, in questo momento occorre la massima attenzione sia sul fronte interno che su quello esterno”… Ovviamente il fronte interno cioè il comportamento degli italiani rappresenta il problema di gran lunga maggiore, da giorni il numero dei nuovi contagi sta salendo abbiamo sfondato quota 10.000, in aumento ricoveri e terapia intensiva e sopratutto i decessi, ma attenzione a quello che sta succedendo in Francia, Spagna, Inghilterra, Germania e nei paesi dell’est, solo per rimanere in Europa, dove la situazione è decisamente peggiore, proprio per questo dobbiamo attenerci alle regole alfine di evitare che succeda anche a noi.

Quindi attenzione al comportamento degli italiani ma anche ai controlli di chi arriva     … nel nostro Paese, sopratutto se proviene dai Paesi a rischio.

Non dobbiamo fare allarmismi che non servono certo a migliorare la situazione, ma tantomeno sottovalutarla come purtroppo fanno in molti, il pericolo Covid 19 è reale non è un invenzione e non seguire le regole, mascherina, distanziamento e lavaggio mani potrebbe costarci molto caro.

Controlli: Alla luce della situazione economica, sociale e sanitaria, se fosse possibile sarebbe il caso di non aggiungere altri problemi… dato che bastano e avanzano quelli che ci sono. 

Serve concentrare gli sforzi di tutti a partire da un’unione di intenti da parte della politica, che invece continua a litigare, quando persino i clan mafiosi fanno accordi fra loro per spartirsi il territorio e fare i loro criminali affari, per cercare di risolverli nel modo migliore e in tempi non biblici onde evitare che molti altri paghino il conto e che la situazione già oggi grave non diventi drammatica.