Compagnia Carabinieri di Acqui Terme:Rivalta Bormida.

I Carabinieri di Rivalta Bormida, al termine degli accertamenti scaturiti dalla querela di una 43enne, hanno denunciato per minacce, appropriazione indebita e molestie l’ex coniuge 48enne con il quale è in fase di separazione, che le sottraeva dall’interno dell’abitazione monili in oro e, in più occasioni, la minacciava di morte a mezzo WhatsApp.

Compagnia Carabinieri di Tortona:Tortona.

I Carabinieri di Tortona, in ottemperanza a un ordine di sospensione dell’espiazione pena presso il domicilio e conseguente carcerazione emesso dal Magistrato di Sorveglianza di Alessandria, hanno tratto in arresto un 50enne, nullafacente e tossicodipendente, già sottoposto alla misura alternativa della detenzione domiciliare poiché, a seguito di recenti accertamenti tossicologici, risultava positivo all’uso di sostanze stupefacenti, violando le prescrizioni relative alla concessione della misura detentiva. Al termine delle formalità di rito, l’uomo è stato tradotto presso la casa circondariale di Alessandria.Pontecurone.

I Carabinieri di Pontecurone, a seguito di denuncia querela presentata da una 46enne, hanno denunciato per violenza privata e percosse in concorso quattro giovani, di cui uno minorenne, tra i 16 e i 25 anni, che all’interno del parcheggio del supermercato “Eurospin” di Voghera avevano bloccato con le proprie autovetture la vittima e le sue figlie di 16 e 7 anni, aggredendole con calci e pugni. Sul posto intervenivano i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del posto. Le indagini, tuttora in corso, ricondurrebbero l’evento all’interruzione del rapporto sentimentale avvenuto tra la figlia della denunciante e un congiunto 31enne degli aggressori, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

Carabinieri Forestale – Gruppo di Alessandria:Cassano Spinola.

I Carabinieri Forestali di Stazzano hanno denunciato per abbandono di rifiuti speciali non pericolosi un 46enne, per avere sversato circa 10 metri cubi di rifiuti lungo la S.P. 141 di Cassano Spinola, fra i quali anche documenti da cui emergevano i suoi dati personali. L’uomo è stato sanzionato con una contravvenzione di 600 euro.

SONY DSC