Gerard Biard (Charlie Hebdo): “Non è una guerra di fede, ma contro la democrazia”

https://www.ilfattoquotidiano.it

di Luana De Micco

“Ci vogliono far credere che questa è una guerra di religione. Si attaccano le caricature di Maometto. Ieri è stata colpita una chiesa. Ma questo non è uno scontro tra credenti e non credenti. È una battaglia tra totalitaristi e democratici. L’offensiva islamista che viviamo oggi ha un carattere strettamente politico ed è iniziata trent’anni fa, quando l’ayatollah Khomeini lanciò la fatwa contro Salman Rushdie. Anche oggi sono dei capi di Stato a condurla. E nelle mani di totalitaristi come il presidente turco, Erdogan, la religione è un formidabile strumento di strumentalizzazione. Lo denunciamo da tempo”. Gérard Biard è il capo redattore di Charlie Hebdo, il giornale satirico attaccato nel 2015 dai fratelli Kouachi. 
Da giorni Erdogan attacca Macron perché difende la libertà di blasfemia. Gli ha dato del malato mentale e ha chiesto di boicottare il made in France… 
Il suo è un atto di guerra. Per ragioni geopolitiche e interne, Erdogan vuole imporsi a guida dei musulmani e a pascià ottomano. Diciamo le cose come stanno: il suo non è altro che un tipo di fascismo religioso. Per anni ha tentato di passare come un islamista moderato. Ma già nel 1997, da sindaco di Istanbul, disse: ‘Le moschee sono le nostre caserme, i minareti le nostre baionette’. Il colpo di Stato mancato del luglio 2016 gli ha permesso di fare una purga gigante e oggi si rivela per quello che è davvero. 
Mercoledì avete pubblicato in copertina una vignetta su di lui, che ha minacciato misure giudiziarie contro di voi…
Non vedo bene cosa potrà fare. La legge francese autorizza a prendere in giro chiunque, anche il presidente della Repubblica. Ma fa parte della sua strategia. Istiga chi crede in lui ad agire, e sono tanti. Nella notte tra martedì e mercoledì abbiamo ricevuto un miliardo di attacchi sul nostro sito. Continueremo a fare il nostro lavoro. Non è perché ci sono attentati che bisogna cedere davanti a chi fomenta e li arma. (continua a leggere sul giornale di domani)

epa04558566 The new editor-in-chief of French satirical magazine Charlie Hebdo, Gerard Biard speaks during a press conference about the next Charlie Hebdo edition, at the Liberation newspaper headquarters, in Paris, France, 13 January 2015. Charlie Hebdo, the French satire magazine attacked by gunmen on 07 January, will feature cartoons of the prophet Mohammed in its next edition, to be published on 14 January. It will have a print run of 3 million, media reports said, up from an earlier announced run of 1 million, and far in excess of the weekly magazine’s usual circulation of 60,000. EPA/YOAN VALAT