Che abisso divide, Vittorio Zingone

Che abisso divide   

Che abisso divide   

Il tuo trono di gloria   

Dalla mia nullita’ contingente,   

Signore!    

Eppure, mio Dio d’Amore,   

All’anima caduta in colpevole baratro,   

Le mani pietose tu tendi.   

Tu mi fai cenno   

D’intraprender la dura salita,  

M’esorti a riporre fiducia   

Nel diletto tuo Figlio,  

Mi porgi una scala di  

 luce 

Cui aggrapparmi  

Per essere tratto a salvezza   

Nell’ultimo giorno.   

Non sono Giacobbe, Signore,   

Quel puro di cuore  

Che, simille a bimbo, accorreva  

Al dolce richiamo del Padre.   

Ma pure m’aggrappo alla scala   

Con tema e profonda fiducia   

Che tu mi vuoi salvo, mio Dio.