ORME SVELATE

brain-women 2020-1 Painting by Angelo Toto | Saatchi Art

Gli esperti di neuroscienze dell’Università di Leicester hanno pubblicato una ricerca che rompe con gli ultimi 50 anni di opinione neuroscientifica, sostenendo che il modo in cui archiviamo i ricordi è la chiave per rendere l’intelligenza umana superiore a quella degli animali. In precedenza si pensava che la separazione dei pattern nell’ippocampo, un’area del cervello critica per la memoria, consentisse a gruppi separati di neuroni di immagazzinare ricordi in modo che i ricordi non si confondessero. Ora, dopo 15 anni di ricerca, un team della neuroscienza dei sistemi della Leicester University ritiene che in realtà nell’ippocampo umano sia presente l’opposto della separazione dei pattern. Sostiene che contrariamente a quanto descritto negli animali, lo stesso gruppo di neuroni immagazzina tutti i ricordi. Le conseguenze di ciò sono di vasta portata, poiché tale rappresentazione neuronale, priva di dettagli contestuali specifici, spiega il pensiero astratto che caratterizza l’intelligenza umana. Contrariamente a quanto tutti…

View original post 306 altre parole