Vittorio Zingone, CI S’ILLUDE    

Ci s’illude    

perché se ne ha    

necessità per vivere;   

ma poi ci si capacita   

che si vive di miraggi   

in deserti senza fine.   

E’ povera la Vita, è desolata,   

è irragionevole    

ogni giorno che trascorre,   

ogni strada   

che quotidianamente    

ignota si percorre.   

Si cammina   

su sabbia di deserti    

e ci s’illude   

di scoprir dinanzi a sé   

giardini in fiore;   

si muore di sete   

e ci s’illude    

di scorger dinanzi a sé   

fresche sorgenti;   

si va verso siti di morte     

e ci s’illude   

che in fondo alla strada   

ci sia la Vita   

a reclamarci a braccia aperte;   

sistematicamente ci si tesse       

con scudisci, con randelli   

e ci s’illude   

di ricevere carezze sulla pelle.

foto pexels