“Cosa sarà”, è un film drammatico del 2020, per la regia di Francesco Bruni, con Kim Rossi Stuart, nella parte del protagonista. Era previsto in uscita nei cinema italiani per il mese di marzo, tuttavia, a seguito della normativa pandemica, la possibilità di vederlo nelle sale cinematografiche è slittata al 24 ottobre C.A. Il movie narra la storia di Bruno Salvati, squattrinato regista cinematografico che, in seguito ad analisi cliniche, si scopre affetto da una forma di leucemia. Insieme con la moglie, da cui è separato, ha due figli, un maschio e una femmina che, tuttavia, non sono compatibili per il prelievo delle cellule staminali del sangue, per soccorrerlo e permettergli di essere curato. Il padre di Bruno, lo informa, comunque, della presenza al mondo di una sorellastra e l’uomo, insieme con il genitore e la figlia, si mette in viaggio alla ricerca di costei, per ottenere una donazione di midollo osseo. Il film è incentrato sulla vicenda e la forza morale di Bruno che, nonostante le difficoltà che incontra sul lavoro e a livello familiare, essendosi separato dalla moglie e non riuscendo ad essere un padre esemplare, nonostante il dramma della malattia, riesce a non darsi per vinto e a credere ancora nella vita e nella possibilità di cura. L’uomo, attraverso il travaglio dell’inatteso bisogno di cure per la leucemia, poco alla volta, riesce a risollevare se stesso e a ricostruire un rapporto affettivo valido e importante con quanti ha attorno, dall’anziano genitore, alla moglie, ai figli, alla sorellastra. Il movie è suddiviso in due parti, nella prima, la scena si svolge all’interno dell’ospedale dove Bruno è, inizialmente, ricoverato per la chemioterapia, preliminare alla cura con le cellule staminali, la seconda, in viaggio alla ricerca della sorellastra.

A cura di Maurizio Coscia, @mauriziocoscia