Massimo Sartelli. Medico: Non ci siamo!

Non ci siamo!  Oltre ai decessi e l’iperafflusso in ospedale ovunque ampiamente previsto, a questo si aggiungono sospetti di regioni che non comunicavano i dati reali, nuovi commissari che dicevano che la mascherina non serviva, promesse di vaccino a fine marzo senza pensare che a fine marzo ci si deve arrivare, continue incomprensioni tra Governo e Regioni. 

Vedremo… L’unica certezza anche questa volta sono i sanitari che con turni interminabili, sistemi di protezione assai pesanti continuano a tenere botta ad una seconda ondata che si sta dimostrando più impegnativa della prima.