Momenti di poesia. Ritorno, di Stefania Pellegrini

Fu l’odore dei freschi tramonti
sul Suir
ove rosseggia adagiata
Waterford
o l’accogliente dolcezza
racchiusa tra le sue mura
o fu il canto argentino
di quei giorni.
Io che di città
vedevo fioco bagliore,
quell’amore
non l’avevo dimenticato.
Così tra le nebbie
la voce scalpitava l’ardore
del cavallo brado d’allora
e pareva traghettare
la mia ombra tra le case.
Oh, mai ritorno
fu così desiderato
tanto che umida di lacrime
la voglia
spingeva, spingeva
a ormeggiare ancora.

Stefania Pellegrini ©

(Dalla raccolta Isole)