ORME SVELATE

Forest Painting by Elena Shnit | Saatchi Art

La connessione emotiva o la sensazione di calma che accompagna una passeggiata in un parco o in una foresta è il risultato di esigenze psicologiche soddisfatte, secondo un recente studio condotto da ricercatori della Texas A&M University, dell’Università della Georgia e del Dipartimento delle risorse naturali del Minnesota. Lo studio ha scoperto che l’attaccamento delle persone alla natura selvaggia può essere spiegato dai loro bisogni psicologici di base di autonomia, parentela e competenza. Ulteriori collegamenti di ricerca collocano l’attaccamento, in particolare alle aree in cui gli alberi sono abbondanti, a sensazioni di benessere, suggerendo che trascorrere del tempo in aree naturali può fornire risultati positivi per la salute mentale e fisica e migliorare la guarigione. Con l’aumento dello stress e dell’isolamento dovuti a COVID-19, le aree naturali e i benefici psicologici che forniscono sono necessari ora più che mai, dicono i ricercatori.   Nel contesto del COVID-19, i benefici per la…

View original post 793 altre parole