Marina Sereni: Sereni, Convenzione Europea Diritti Umani in difesa delle donne 

Sereni, Convenzione Europea diritti umani in difesa delle donne ‘Resta stella polare difesa dignita’ di tutti’ (ANSA) – ROMA, 30 OTT – ”Il momento storico ci impone di trovare il giusto contemperamento tra la protezione dei diritti umani e delle liberta’ fondamentali e le esigenze di tutela della salute pubblica.

Anche in vista della Presidenza italiana del Consiglio d’Europa tra il novembre 2021 e il maggio 2022, l’Italia vuole impegnarsi con determinazione affinche’ la Convenzione Europea per la salvaguardia diritti umani continui ad essere la stella polare per la difesa della dignita’ e dei diritti di ciascuno”.

Lo ha dichiarato la Vice Ministra degli Esteri, Marina Sereni, intervenendo in videoconferenza all’evento commemorativo della firma della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti umani (CEDU), organizzato dall’Universita’ “La Sapienza”.

“La Convenzione – ha aggiunto SERENI – costituisce un sistema di protezione che ancora oggi non conosce eguali, proteggendo piu’ di 830 milioni di persone in 47 Stati europei e per questo l’Italia e’ fiera di aver ospitato settanta anni fa a Roma la cerimonia per la sua firma”. Redatta nell’ambito del Consiglio d’Europa e firmata a Roma il 4 novembre 1950, alla Convenzione aderiscono tutti gli Stati membri del Consiglio. Nel 1959 poi e’ nata la Corte di Giustizia Europea.

“A tanti anni dall’adozione della CEDU – ha detto SERENI – non si puo’ non constatare la sua capacita’ di rimanere al passo con le nuove sfide globali. L’adozione di diversi Protocolli aggiuntivi ha permesso di integrarla con diritti nuovi ed emergenti, di ampliare la portata dei diritti gia’ garantiti, di creare meccanismi e procedure piu’ avanzate per la tutela dell’individuo”.

“Possiamo oggi constatare – ha proseguito la Vice Ministra – l’impatto positivo che la CEDU ha avuto sulla legislazione e sulle politiche nazionali degli Stati Membri, come nel caso delle violenze e delle discriminazioni di genere. Intervenendo sulle risposte spesso inadeguate degli Stati di fronte a questi casi, che lasciavano molte donne prive di qualunque protezione, la Corte di Giustizia Europea ha contribuito con coraggio e convinzione a colmare queste lacune, fornendo una efficace tutela giurisdizionale alle vittime”.

”I giudici di Strasburgo hanno interpretato estensivamente il dettato della Convenzione e le sentenze della Corte a favore dei diritti delle donne sono state spesso dirompenti affermando concetti fondamentali e allargando il concetto di violenza contro le donne ai casi di violenza psicologica, di stalking e di cyberviolenza” ha concluso Sereni. (ANSA). AU 30-OTT-20 12:09